Pagine

giovedì 19 maggio 2011

Che Dio mi salvi.

Che Dio mi salvi dai capelli grigi, dai vestiti grigi, dai giorni grigi.
Che Dio mi salvi da Vasco Rossi e Ligabue.
Che Dio mi salvi dai bagni al mare e dalle grigliate nei prati.
Che Dio mi salvi dal passeggiare mano nella mano.
Che Dio mi salvi dal silenzio.
Che Dio mi salvi dalla nausea dopo aver mangiato troppo.
Che Dio mi salvi dall'abbruttirmi per averne viste troppe.
Che Dio mi salvi dai pranzi coi parenti.
Che Dio mi salvi dalle diete e dagli autoabbronzanti.
Che Dio mi salvi dai brutti libri.
Che Dio mi salvi dalla sfiducia per le mie idee.
Che Dio mi salvi dai francesi, tedeschi, inglesi.
Che Dio mi salvi dagli italiani.
Che Dio mi salvi da dire a mio figlio "Eh, ai miei tempi."
Che Dio mi salvi le ginocchia e le caviglie.
Che Dio mi salvi dagli stronzi e dagli ignoranti.
Che Dio mi salvi dagli asparagi.
Che Dio mi salvi dalla politica e dai politici.
Che Dio mi salvi, soprattutto, da me stesso.

Nessun commento:

Posta un commento