Pagine

domenica 1 giugno 2014

Mia moglie.

Mia moglie ha una storia con un altro.
La prima volta che li ho visti assieme è stato circa due mesi fa. Erano leggermente nascosti, sotto una pineta dai grandi pini verdi. Non sospettavano fossi in zona e non si erano appartati più di tanto.
Le teneva le mani strette nelle sue e la baciava con passione. Con molta passione.
Li ho guardati per diversi minuti scambiarsi baci e brevi parole. Ho lasciato che la leggera brezza mi portasse pezzi di frasi che ricostruivo senza troppo bisogno di ricorrere alla fantasia.

Le frasi degli amanti sono sempre molto simili, prive di significato, sono solo il supporto al susseguirsi di baci e carezze. Io e lei non ci parliamo più così da molto tempo. Io e lei non ci stringiamo più le mani con passione da molto tempo.

Lui è un tipo che non conoscevo, me l'ha presentato lei poco tempo prima del fatto. Piccoletto e con un accenno di stempiatura che cerca di mascherare con un taglio eccessivamente giovanile.
Ma non voglio essere cattivo o crudele con lui. Non lo odio più come quel giorno. Anzi, nutro per lui una certa sorta di empatia.
Abbiamo molti punti in comune. La stessa donna per iniziare. Ma, per dire, siamo entrambi appassionati dello stesso genere di musica. Abbiamo entrambi un lavoro d'ufficio ed entrambi portiamo gli occhiali.

Mentre li osservavo, cercando di non dare nell'occhio, pensavo a quale peccato fosse per loro due che il mio volo di ritorno fosse stato anticipato. Riuscivo a sentire il brivido di eccitazione che potevano provare: il tradimento, la paura di essere scoperti.
Io non ho mai tradito, soprattutto per pigrizia. A stento riesco a gestire le inevitabili collisioni della mia vita con quella di mia moglie: figurarsi dover gestire tre incroci. Avevo anche conosciuto una donna una volta. Si era subito dimostrata interessata, forse anche disponibile. Ma non se n'è fatto niente, e ho dovuto mascherare la mia totale impreparazione all'evento con un plausibile rispetto del voto matrimoniale.

Non ho detto niente a mia moglie, tanto meno a lui. So che è stato licenziato ultimamente e me  ne dispiaccio.
Credo che mia moglie lo ami davvero e lui deve avere davvero bisogno di lei in questo momento. E' stata sul punto di confessarmelo più volte, ma ho sempre evitato il discorso. Non me la sento davvero in questo momento di fingermi dispiaciuto.

Il giorno che l'ho vista baciare un altro mi ero comprato un libro, Moby Dick. Dovrebbero leggerlo tutti almeno una volta nella vita. Parla di viaggio e di crescita. Parla di balene e di pesca. Credo parli anche della ricerca della verità e di come questa possa inghiottirti mentre sei a metà strada.
Oggi l'amante di mia moglie ha un colloquio di lavoro. Lei è molto agitata. Fingerò una cena di lavoro per darle la possibilità di stargli vicino.

Nessun commento:

Posta un commento